LYRIC

[Testo di "Manzarek"]

[Strofa 1]
Vestita da sera, vestita da sposa
Vestita da strega, vestita di rosa
Qualcosa mi dice che ti ho perso ancora
Maledetto giornale, la borsa cade
E cade l'occhio sull'oroscopo
E il bello è che dice che tornerà tutto a posto
Ma non so dove sei
[Ritornello]
Se c'è una cosa che odio di più
È che non posso vederti tutti i giorni
E c'è una cosa che odio di più
È che non posso vederti quando ti spogli con
Una canzone dei Doors

[Strofa 2]
Parolacce al vento
Parolacce lungo il fiume
Parolacce dritte nel telefono
Di certo non siamo due santi coi buchi in mano
Due passi in centro, a passo molto lento
Talmente lento che mi siedo a pensare
E qualcosa mi dice che più sto fermo e più casco male
Ma non so dove sei

[Ritornello]
Se c'è una cosa che odio di più
È che non posso vederti tutti i giorni
E c'è una cosa che odio di più
È che non posso vederti quando ti spogli con
Una canzone dei Doors

[Bridge]
È passato del tempo, di quelli più brutti
E ti copri la faccia di pugni e di insulti
E passando per caso ti chiedi se è un caso
Che leggi su un muro che il peggio è passato
[Ritornello]
Se c'è una cosa che odio di più
È che non posso vederti tutti i santi giorni
E c'è una cosa che odio ancora di più
È che non posso vederti quando ti spogli con
Una maglietta dei Doors

Added by

admin

SHARE

About "Manzarek"

“Manzarek” parla di una rottura e in particolar modo del senso di solitudine e abbandono che spesso si provano e di come questi, almeno all'inizio, non facciano altro che ritardare l'accettazione del dolore e, al contempo, alimentare quel senso di odio e di rabbia che non si ha verso l'altra metà, bensì verso il fatto che non ci sia più e che, citando il testo, non la si possa più vedere. Il titolo è un riferimento a Ray Manzarek, tastierista dei Doors, che vengono citati nel ritornello.

Manzarek Track info

Mastering Engineer Giovanni Versari
Mixing Engineer Matteo Cantaluppi
Video Director BENDO films
Label Maciste Dischi

Video