LYRIC

Cammino tra la gente, sbatto bruscamente sui sacchi della spesa , mentre spendo tempo a trovare casa
Ma casa è lontana, e io sono una frana passerò la nottata a cantare in una fontana
E tutto bagnato guardo il cielo, gelo al pensiero del fuoco vero, quello che ti infiamma, e dentro divampa
Perché dura così poco, rimane polvere nel vuoto

Una rosa è molto bella ma se tocchi il gambo punge
In amore mi hanno detto che vince chi fugge
Ne stringo una, sanguino, corro senza tregue
Perché vince chi fugge solo se qualcuno insegue (x2)

E seguirò le stelle, fede cieca sono un folle, a pensare sia possibile fidarsi solo dell’asfalto
E affranto canto, sprofondo nel fango, non scanso il vento con cui ho fatto un patto
Mi ha detto che tutto cambia, e mi rialza con la sua danza

Una rosa è molto bella ma se tocchi il gambo punge
In amore mi hanno detto che vince chi fugge
Ne stringo una, sanguino, corro senza tregue
Perché vince chi fugge solo se qualcuno insegue (x2)


Mi stendo sul prato spiegandomi come un libro
Spiegandomi perché vale la pena essere libero
Spiando da un foro vedo l’uomo che ero, sfioro l’idea che quell’uomo non c’è più, capolavoro
Di incapacità nel mantenere le promesse, e nel prolungare i sogni senza tasso d’interesse
Mi inchino al volere del destino, come garanzia della mia sottomissione voglio un adesivo
Da attaccare sulla schiena, una lista dei miei errori così saprete che ora sono nella lista dei peggiori
Ma quale sottomesso, ci ripenso e poi la stacco, accetto il cambiamento, mi ridipingo di bianco
Il foro è molto stretto, io da fuori sto osservando come lentamente si sgretola il mio animo
Che spasimo, panico, davvero non biasimo, chi si lascia cadere, trascinato da un’ onda
Quasi come se fosse per la gravità del proprio peso, quasi come se si fosse ormai arreso ma
Come il bambù si piega ma non si spezza, resiste alla tempesta, consapevole arrendevolezza
Non darò corda al mio cordoglio mentre corro sul raccordo anulare in cui al centro c’è il mio ego
Non covo odio, Dio sa che è solo un episodio, come un fiume sfocio
Prima valcavo il valico, ora cavalco in bilico, sul lastrico, stretto, sciupato
Mi sazio coi ricordi, cos’è che mi dirige ? Mangio veloce...
Forse è per quello che fatico a digerire
Risuona l’eco dei tuoi passi, dall’abisso tu mi bussi, sento toc mi tocca aprirti quanto tempo ad aspettarti
Ma ora non so cosa dirti, vederti ha spinto i miei occhi ad aprirsi

Una rosa è molto bella ma se tocchi il gambo punge
In amore mi hanno detto che vince chi fugge
Ne stringo una, sanguino, corro senza tregue
Perché vince chi fugge solo se qualcuno insegue (x2)

Added by

admin

SHARE

Your email address will not be published. Required fields are marked *

About "Bambù"

?

Bambù Track info